Strudel-di-mele

Ok, lo abbiamo capito tutti che siamo nella fase in cui i cacchi tuoi piacciono agli altri. In cui più racconti di te e più i like o il benedetto engagement aumenta. “Ma ‘ndo vai se l’engagement non lo fai?”, potrebbe essere il titolo di questo post. Ma praticamente cosa significa? Coinvolgere. E quale è il modo migliore per coinvolgere una community? Parlare di cose delicate, riservate, a tratti penose, ma comunque coinvolgenti. Oppure cercare di provocare in ogni modo, con un seno scoperto, una maglietta vedo non vedo. O ancora mostrando ricchezza ostentata con un certo stile di vita che non tutti si possono permettere. Ma che noia! Ma google non premiava i contenuti? Sì, è così. Infatti queste strategie di comunicazione sono perfette per i social network dove, ammettiamolo, l’impegno non è poi così importante. Con un filtro tutto appare più bello e poco importa se in realtà soffrite di depressione o siete in eterna lotta con le vostre anime. E’ la velocità dei contenuti quella che oggi serve, è l’#io celebrato all’ennesima potenza. Ma, se è vero che esiste questa “realtà”, è vero anche ne esiste una parallela. Quella fatta di contenuti più strutturati creati per piattaforme indipendenti dai social, per i blog ad esempio. Perché, quando l’ennesimo algoritmo dei social network cambierà penalizzando vistosamente le view di tutti i profili, io vorrei essere tranquilla e ridere sorseggiando caffè e mangiando una fetta di strudel. E il paradosso è che questa è una ricetta che si adatta a quest’epoca, quella in cui si ha poco tempo per ogni cosa perché si vuole avere il tempo di fare tutto. Lo strudel di mele è pronto in 30 minuti. Ingredienti alla mano e via! Strudel-di-mele-img-post-1

Ricetta. PER 1 STRUDEL

1 confezione di pasta sfoglia + 1 mela + marmellata all’albicocca + uvetta + mandorle + zucchero di canna per la superficie.

Accendete il forno. Stendete la sfoglia, aggiungete tutti gli ingredienti, richiudetela, mettete un po’ di zucchero sulla superficie e infornate per 20-30 minuti a 180°C fino a che lo strudel non risulterà dorato.

Strudel-di-mele-img-post-2

Strudel-di-mele-img-post-3

Strudel-di-mele-img-post-4

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*