Completo-in-pelle-nero-parallax

Indossereste mai un abito in pelle nera? Io l’ho fatto e devo dire che me lo sarei portato volentieri a casa (se solo non fosse appartenuto a un’altra persona).

Immaginate assieme a me lo stupore dei passanti quando nella Londra del 1905 un negozio in Brompton Road attraverso le sue vetrine annuncia di vendere completi in pelle nera per motocicliste. Ci vorranno almeno due decenni prima che la pelle nera diventi di moda e una suprema Greta Garbo darà una mano al fenomeno indossando diversi cappotti sempre stretti da cinture in vita.

Negli anni ’50 la pelle va a braccetto con il rock’n’roll e nel 1963 è il geniale Yves Saint Laurent a creare una collezione con tre tipi di pelle nera: opaca, di vernice e in camoscio. Da quel momento in poi la pelle nera entra nel guardaroba delle dive per diventare poi un simbolo di rivolta con le proteste politiche e sociali del ’69 e infine l’emblema del movimento punk negli anni ’80. Chiodi, stivali, fasce intorno al collo, cappelli, pantaloni, borse… Tutto è incredibilmente in pelle nera! Accattivante, (ma anche sexy), forte, (ma che protegge anime sensibili), ribelle eppure così stilosa.

Nel mio guardaroba conto due tipi di capi in pelle nera: il chiodo (da cui mi separo raramente) e i pantaloni (che mi ricordano tanto quel caro ragazzo di Jim Morrison). Il tutto portato con una t-shirt bianca non fa una piega. Ma come si tratta questo materiale? Lo sapevate che può essere lavato in lavatrice? Io l’ho scoperto grazie a Miele che ha condiviso con me tanti segreti.

I capi in pelle rispondono in maniera differente ai lavaggi e la cosa più importante è non usare solventi o acetone. E’ un tessuto estremamente delicato e può essere trattato in lavabiancheria utilizzando il programma giusto per ottenere un risultato finale perfetto.

Innanzitutto dobbiamo sempre controllare bene l’etichetta e verificare che sia possibile lavarlo in lavatrice. Prima di inserirlo è sempre indicato girare il capo al rovescio e chiudere le cerniere e/o i bottoni. Basterà selezionare il programma Delicati nella lavabiancheria Miele, impostando acqua fredda con una centrifuga di max 600 giri/minuto.

Vi consiglio di utilizzare sempre un detersivo specifico come quello in flacone Miele Woolcare o la cap monodose per la lana. Quando il lavaggio è terminato possiamo appendere il capo su una gruccia, oppure inserirlo nell’asciugabiancheria Miele posizionandolo sull’apposito cesto e impostando l’aria calda per 20 minuti.

Queste tips di lavaggio vanno benissimo per tutti i tipi di pelle, anche quella scamosciata, sempre verificando in anticipo l’etichetta del tessuto. Buon lavaggio a tutti! 

IN COLLABORAZIONE CON MIELE

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*