Jole-insalata-carioca

Rosso relativo.
Siamo proprio strani. Facciamo le diete nei mesi più freddi dell’anno. Sarà che gennaio è il mese dei buoni propositi?
Il momento in cui ci diciamo il famoso “basta con”:
-amici relativi;
-eccessi in generale;
-spese istintive;
-amorazzi insensati;
-calorie.

Temo che il fatto che a febbraio ci sia San Valentino abbia un suo perché. Chi vorrebbe avere un giro vita largo come un bersaglio e rischiare così di essere trafitto da Cupido nel posto sbagliato?
Per evitare di iniziare una relazione complicata col frigorifero, invece che con l’uomo o la donna dei vostri sogni, dovete fare uno sforzo opportuno e direi che un mese di cibo sano, ma mai triste, possa essere doveroso.
Che cosa hanno in comune la fetta di prosciutto crudo, la verdura cotta, e l’immancabile formaggio magro delle diete? I toni pallidi e la consistenza molliccia.
La Jole, invece, colora i suoi sacrifici a tavola perché crede nel potere positivo dei toni accesi e, quando fa la dieta, trasforma la quaresima in un samba festaiolo!
Prendete ad esempio:
-un paio di gambi di sedano;
-una rapa rossa lessata e sanguinante come un cuore infranto;
-due mele o una pera (scegliete le qualità più dure);
-uva passa;
-gomasio (una spezia giapponese a base di sesamo e sale da usare a crudo in salse o insalate);
-un mix carioca fatto con senape in semi, pepe rosa e coriandolo. Il tutto mescolato con una goccia di limone e un filo di olio.

Sfilacciate il sedano fino a raggiungerne il cuore tenero come foste dei Cupidi boscaioli.
Tagliate la rapa rossa a cubettoni e mettetela a scolare in un colino insieme a qualche cucchiaio di gomasio e raccoglietene il liquido cremisi.
Affettate sottilmente la mela o, se volete più dolcezza, optate per la pera. Mescolate le fettine con due gocce di limone per non fare annerire. Nel liquido della rapa reidratate l’uva passa per pochi minuti.
In una ciotola riunite tutto come in una samba e vedrete che si tingerà di un colore rosso vivo come l’amore. Conditela con il mix carioca e un filo di aceto di mele. Servite con del pane tostato e condito con formaggio caprino e miele.
Lo so che in fondo “basterebbe una carezza per un cuore di ragazza”, ma si sa che l’amore è come la dieta e i buoni propositi: impossibile da rinviare a lungo, difficile da mantenere e facile da infrangere. Almeno che sia rosso di passione, no?

La Jole cucina bene, ma ama male e mescola i suoi sentimenti con gli ingredienti creando ricette che profumano di vita quotidiana: brusca in apparenza, la Jole, ha un codice morale ferreo ed è disciplinata e generosa, come occorre esserlo per avere ospiti a tavola e nel cuore. 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*