GARETH PUGH PE 2014 Baccalà mantecato

GarethPugh

-“Come siete riusciti a stare insieme per 65 anni?”

-“Siamo nati in un’epoca in cui le cose rotte non si buttavano, si aggiustavano.”

Per i nostri nonni 65 anni insieme sono la normalità, per i nostri genitori sni (un nuovo suono formato da: si + no + ni) e per noi proprio un’utopia. Mi sono imbattuta in questa frase pochi giorni fa, non so bene da chi sia stata pronunciata ma in quelle righe c’è tanta magia o almeno quanto basta per farmi immaginare che la data di scadenza di un rapporto si possa posticipare. I miei nonni i calzini li riparavano, io li butto. Loro usavano tovaglioli di stoffa ogni giorno, io tendenzialmente di carta. Con un cappotto facevano tante stagioni (a volte anche troppe), io con due cappotti ne faccio una. I miei nonni la moda non la masticavano nemmeno, io la mangio. Oggi a tavola è un Gareth Pugh ad essere servito! I miei nonni mi hanno sempre insegnato ad essere educata perciò mi sento di dire: “quanta esuberanza in questo look” (tutti gli altri commenti sono censurati). Questo è un tipico caso in cui la moda preferisco mangiarla invece di indossarla. E voi?

 

Ricetta. PER 4 PERSONE

500g di Baccalà bagnato + mezzo litro di latte + mezzo spicchio d’aglio tritato + 2 cucchiai di prezzemolo tritato + 2 filetti di acciughe + 500ml di olio extravergine d’oliva + sale + pepe.

Asciugate bene il baccalà e mettetelo in una pentola capiente assieme al latte. Coprite con il coperchio e fate cuocere a fuoco lento per almeno 20 minuti. Aiutandovi con un  mestolo bucato trasferite il pesce in uno scolapasta e lasciatelo scolare bene. Tenete da parte il latte. Mettete nel mixer il baccalà, aggiungete il prezzemolo, le acciughe, l’aglio e frullate bene fino a quando gli ingredienti si saranno bene uniti. Continuate a frullare aggiungendo l’ olio a filo e mescolate fino a quando il composto non sarà diventando bianco e spumoso prendendo le sembianze di una crema. Regolate di sale e pepe e versate tanto latte tenuto da parte quanto ritenete che ne occorra per dare la giusta consistenza cremosa. Servitelo freddo su crostini di pane tostato (o polenta).

Pane e baccalà: che bontà!Pane&Baccala

4 Risposte

  1. Paola

    Io non ho parole. E’ favolosa questa ricetta ma anche quello che hai scritto: verissimo!

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*