Anna-Marconi-salmone-al-forno

Ispirata dal colore del mio look sportivo in cotone, sono corsa in pescheria alla ricerca di un filetto di salmone dalla carne tenera e perfetta per essere cotta in maniera delicata. Con immensa gioia ammetto che il forno a vapore combinato con modalità tradizionale Miele ha cambiato il mio modo di cucinare aprendomi la mente verso tecniche che prima non ero nemmeno in grado di immaginare.

In base a ciò che scelgo di cucinare posso optare per diverse modalità di cottura:
a vapore, perfetta ad esempio per il mio cavolfiore, ma anche per carne, insaccati, pesce, molluschi, riso, pasta, legumi;
combinata, che lavora con una combinazione di calore asciutto e vapore per ottenere ottime cotture senza dimenticare l’importanza di un po’ di umidità che consente di non seccare gli alimenti;
senza vapore con a disposizione molti programmi tra cui la cottura intensa, il grill, o quella delicata;
sous-vide, cioè la cottura delicata sotto vuoto che ho usato per il mio salmone.
Si tratta di una vera rivoluzione per la cottura degli alimenti che, dopo essere stati sigillati sotto vuoto, vengono cotti lentamente a basse temperature nell’apposito sacchetto.

Ho preparato così un filetto di salmone, l’ho messo nel sacchetto per il sottovuoto con delle fettine di zenzero, limone, un po’ di timo, un pizzico di sale affumicato e un filo d’olio per farlo insaporire per bene. L’ho inserito quindi nell’apposito cassetto Miele per il sottovuoto e sigillato seguendo le indicazioni per il pesce. Ho acceso il forno Miele selezionando la modalità sous-vide e, in attesa che tutto fosse pronto, mi sono sdraiata sul divano a leggere una storia della buonanotte per bambine ribelli. E’ un libro che amo tantissimo. Lo conoscete?

A cottura terminata l’aspetto del mio salmone era straordinario. Questo tipo di cottura preserva forma, i sali minerali e le vitamine dei cibi rendendo i sapori ancora più intensi.

Ispirata così dal mio look ho gustato un delizioso filetto di salmone con del tenero cavolfiore cotto a vapore e una salsa un po’ piccante giusto per dare quel twist in più.

 

Forno-Miele

Forno-Miele-bw

Ricetta. PER 4 PERSONE

1 cavolfiore + 4 filetti di salmone + qualche fetta di zenzero + 1 fetta di limone + sale + pepe + olio extravergine d’oliva + salsa piccante al peperoncino + timo.

Lavate il cavolfiore e dividetelo in rosette. Mettetelo nella teglia forata e cuocete in forno Miele per 8 minuti, modalità vapore. Prendete i filetti di salmone e metteteli sottovuoto (usando l’apposito cassetto) unendo delle fette di zenzero (2 per filetto), una spolverata di timo, una fetta di limone tagliata fine, del sale affumicato e un filo d’olio. Inserite i filetti sottovuoto sulla griglia e fate cuocete a 52 gradi per 20 minuti in modalità Sous-Vide. Quando saranno cotti, fate raffreddare, estraeteli dal sacchetto del sottovuoto e sfilettate la polpa. I filetti avranno tutto il profumo degli aromi inseriti nel sacchetto. Con l’aiuto di un coppapasta formate una torretta e servite con le cime di cavolfiore e un pizzico di salsa piccante al peperoncino. Condite con un filo di olio a crudo e buon appetito. Un piatto gustosissimo, ma leggero.

IN COLLABORAZIONE CON MIELE

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*