Ananas-img-post

“Copa-copacabana..”

Se c’è un frutto bello, anzi meraviglioso è proprio l’ananas. Quando la vedo penso sempre a canzoni tipo “Copacabana” o “Tropicana” e inevitabilmente scatta sempre il balletto.  Mi riempie di gioia e spesso viene servita a tavola alla fine del pasto. L’ananas si sa, fa bene. Ma per fare bene anche all’anima è necessario conoscere questo delizioso frutto. Come si serve ad esempio? E come si mangia? E’ semplicissimo: l’ananas si serve sempre a fettine. Se il frutto è fresco si mangia con forchetta e coltello (da frutta), se il frutto è in scatola si mangia con il cucchiaino (da frutta). Volete una ricetta semplice e gustosa che mi prepara sempre un amico americano quando sono a cena da lui? 

Pulite l’ananas privandola del cuore duro. Fate fondere il burro in una padella e dorate le fette per 5minuti. Aggiungete lo zucchero di canna (circa 30 g) e fate caramellare. Lasciate cuocere per circa 8-10 minuti. In un’altra padella fate cuocere lo zucchero bianco (100 g) con 50 ml di acqua, 2 cucchiai di miele e un bacello di vaniglia grattugiato fino ad ottenere uno sciroppo denso. Accendete la griglia e quando sarà calda mettete le fette di ananas. Cuocete 5 minuti per ogni lato. Servitele aggiungendo lo sciroppo.

Ananas-img-post-1

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*