APPARECCHIARE UNA TAVOLA IMPORTANTE Piatti, bicchieri, forchette. Tutto ha un posto.

Tavola delle Ricorrenze

-1 a Natale. Sta per arrivare il giorno in qui le mamme e le nonne tireranno fuori dalla credenza i bicchieri e i piatti più preziosi, le posate che durante gli altri giorni dell’anno non ti fanno usare, i sottopiatti che solo a Natale ti ricordi di avere. Ebbene, ho pensato che un piccolo ripasso sulla “mise en place” fosse quasi d’obbligo. Con le meravigliose porcellane di Versace Home ho preparato la tavola ideale, esattamente quella che realizzerò. E’ una tavola formale che può accompagnarvi in molte occasioni (Natale, Capodanno, battesimi, lauree) e che può creare un leggero imbarazzo, ma ricordatevi che saper mangiare con eleganza è un atto di cortesia che vi dovete. “Siate sempre la versione prima classe di voi stessi”, consigliava l’attrice Judy Garland. Immaginiamo che il vostro pranzo sia un pranzo con i fiocchi, di quelli che poi vorresti solo andare a dormire. Immaginiamo che le donne della vostra famiglia abbiano preparato una coalizione a suon di portate. Nel caso il pranzo fosse composto da antipasto, minestra, pesce, carne, dolce e frutta, l’apparecchiatura della tavola perfetta si può fare in questo modo:

1. tovagliolo;

2. forchetta da prima pietanza. Sto parlando dell’antipasto che potrete mangiare senza l’uso del coltello. In questo caso il piattino da antipasto può essere appoggiato sopra il piatto fondo;

3. forchetta da seconda pietanza. In questo caso il pesce (da servire prima della carne);

4. forchetta da terza pietanza. In questo caso la carne;

5. sottopiatto;

6. piatto piano;

7. piatto fondo;

8. coltello da terza pietanza. In questo caso la carne;

9. coltello da seconda pietanza. In questo caso il pesce;

10. cucchiaio da minestra;

11. piattino del pane;

12. posate da dolce (che possono essere considerate: forchetta e coltello nel caso si trattasse di un dolce duro come una crostata, o un cucchiaio nel caso fosse previsto un dessert al cucchiaio). Quelle da frutta verranno servite sul piattino da frutta;

13. bicchiere da acqua;

14. bicchiere da vino rosso;

15. bicchiere da vino bianco;

16. bicchiere da champagne.

Il pranzo quindi  si articolerà così: antipasto servito in un piattino da appoggiare sopra al piatto fondo e da mangiare con la sola forchetta (2). Minestra da mangiare con il cucchiaio (10). Pietanza di pesce da mangiare con le apposite posate da pesce (3+9). Pietanza a base di carne da mangiare con le apposite posate (4+8). Dessert da mangiare con coltello e forchetta (nel caso fosse duro) o con il cucchiaio (nel caso fosse una mousse o un dolce al cucchiaio). Ricordate di aprire il tovagliolo (1) e di riporlo sulla gambe, di appoggiare sempre il pane nell’apposito piattino (11), e di pulirvi sempre la bocca prima e dopo aver bevuto utilizzando la parte interna del tovagliolo.

Apparecchiare la tavola delle Ricorrenze

Vi auguro un felice Natale e ricordatevi di brindare con il mio favoloso cocktail preparato nel melograno!

Ricetta. PER 4 PERSONE4 Melograni grandi + 200ml di vodka + 1 litro di champagne.

Prendete 4 melograni grandi, tagliateli poco più in alto della metà e svuotateli con cura dalla polpa, aiutandovi con un cucchiaio. Ripulite bene l’interno e mettete la polpa in un recipiente rimuovendo con cura le pellicine. Mettete tutti i semi in un frullatore e centrifugate fino ad ottenere un succo. In una caraffa versate: un litro di champagne, 200 ml di vodka (esagerate se preferite) e aggiungete il succo di melograno. Usate questi bellissimi frutti al posto dei bicchieri e, con un coltellino appuntito, create lo spazio per la cannuccia. La caraffa rimarrà al centro della tavola pronta a riempire i vostri “bicchieri” appena saranno vuoti.

cocktail di Natale

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*