Una torta di mele come questa non l’avevo mai provata prima. Il fatto è che non avevo mai pensato di separare i tuorli dagli albumi e tantomeno di montare a neve i secondi.  Ma non è forse vero che tutta la vita è fatta di scelte? Che sono i dettagli a fare la differenza? Non per niente il designer Alexandre Hercovich ha fatto una scelta di stile che cavalca la grande tendenza “gold” della stagione. Ma torniamo a noi.. Care le mie amiche, stavolta ne sono certa: il mio “oro” è più bello del vostro. E non sto parlando di look ma di dolci. Ebbene si, sarei pronta a giocarmi la reputazione a “suon di torte” perché la mia di mele ha un colore così unico che si avvicina a quello dell’oro in contrasto con il marrone della cannella. Vogliamo poi parlare del profumo? Provate! Provate! Provate!

 

Ricetta. PER 1 TORTIERA DAL DIAMETRO DI 24 CM

3 Mele + 3 uova + 300g di farina tipo 00 + 170g di zucchero + 70g di burro + 1 bicchiere e mezzo di latte + 1 cucchiaino di cannella in polvere + 1 bustina di lievito vanigliato per dolci.

Estraete il burro dal frigo. Sbucciate le mele e affettatele riducendole a cubetti. Separate i tuorli dagli albumi. Nella terrina N.1 montate con una frusta elettrica gli albumi a neve, nella terrina N. 2 sbattete con una forchetta i tuorli con lo zucchero. Aggiungete il burro ammorbidito e tagliato a cubetti nella terrina N. 2, versate un bicchiere e mezzo di latte e amalgamate mescolando con una forchetta. Aggiungete la farina, il lievito in polvere, la cannella in polvere e mescolate bene con un cucchiaio di legno. Incorporate ora gli albumi precedentemente montati, le mele tagliate a cubetti (tenendone da parte un po’ da mettere sulla superficie) e continuate a mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo. Imburrate la tortiera, versateci il composto e aggiungete in superficie i cubetti di mele avanzati. Spolverizzate ulteriormente con un po’ di cannella in povere e cuocete per 40-50 minuti in forno preriscaldato a 180° C. Una magia!

3 Risposte

    • Taste Of Runway

      Ciao Alessandra! Che peccato! Vorrà dire che passerai a mangiarla da qui!!

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

*